Registrati



UGL Federazione delle Autonomie nelle Regioni Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Marche Umbria Abruzzo Lazio Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna
Newsletter
Banner
Banner
Banner
Warning
  • Direttiva EU e-Privacy

    "Questo sito utilizza cookies per la gestione dell'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, Lei accetta che inseriamo questi tipi di cookies sul proprio dispositivo.

    Visualizza la direttiva e-Privacy

Mercoledì 22/01/2014, ore 20.20, il Segretario Generale FNA Marco Marini commenta su Facebook:
SCIOPERO FINITO. CROCETTA CI HA RICEVUTO. OTTIMO LAVORO, COMPLIMENTI A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO ATTIVAMENTE MA SOPRATUTTO A NINO DRAGO CHE SI È SACRIFICATO PER RIUSCIRE IN QUESTA BELLA E PRODUTTIVA INIZIATIVA!!
BRAVO NINO DRAGO !!!!

Sciopero fame finito

Sciopero fame finito

Sciopero della fame di Nino Drago

Nino Drago (primo a sinistra) con altri sostenitori del suo sciopero della fame (vicino a lui Marcello Ficile, segretario provinciale UGL FNA per la provincia di Palermo)

“Da questa mattina il segretario dell’Ugl Autonomie Locali della Sicilia, Nino Drago, ha iniziato uno sciopero della fame ad oltranza, per protestare contro l’atteggiamento del Presidente della Regione il quale non ha mai risposto alle richieste di incontro sui temi che riguardano lo sviluppo economico-sociale dell’isola, dimostrando completa indifferenza nei riguardi delle fasce più deboli”.
Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Autonomie, Marco Marini, spiegando che “terremo un sit-in permanente nelle 24 ore presso lo spazio antistante il Palazzo d’Orleans, perché non è concepibile l’atteggiamento di indifferenza che la Regione Sicilia sta dimostrando nei riguardi di esodati, licenziati e precari, senza aprirsi al dialogo con le organizzazioni sindacali”.
“Si chiede al presidente Crocetta – conclude – una maggiore attenzione verso quelli che oramai possono definirsi i nuovi poveri”.

 

Dipartimento DirittiUfficio Pari OpportunitàUGL DonneEnas Patronato UGLRSU UGL