Registrati



UGL Federazione delle Autonomie nelle Regioni Valle d'Aosta Piemonte Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Marche Umbria Abruzzo Lazio Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna
Newsletter
Banner
Banner
Banner
Warning
  • Direttiva EU e-Privacy

    "Questo sito utilizza cookies per la gestione dell'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, Lei accetta che inseriamo questi tipi di cookies sul proprio dispositivo.

    Visualizza la direttiva e-Privacy

Per buona pace dell’ex presidente e del vice della casa di riposo di Chioggia, anche il Consiglio di Stato, riunitosi il 24 luglio, ha respinto il ricorso, presentato dai due, contro la mancata concessione della sospensiva del TAR Veneto alla delibera della Giunta Regionale del 20 marzo con la quale veniva commissariato il CDA, ormai barcollante viste le dimissioni di tre consiglieri su 5.

Esprimiamo soddisfazione per l’ennesima sentenza contro la gestione degli ex vertici del cda del Centro Servizi Anziani di Chioggia. Anche il Consiglio di Stato ha confermato di fatto il commissariamento regionale e quindi anche l’ottimo lavoro svolto dall’Ufficio Ispettivo Regionale che ha agito con estrema professionalità ed imparzialità.

Ancora una volta, l’ex presidente, viene smentito con i fatti e con tanto di sentenze a suo sfavore che confermano la mala gestione dello stesso dimostrazione quindi che non vi è stata nessuna volontà politica dietro il commissariamento.

 

 

Ricordiamo che nella delibera di commissariamento la Regione aveva citato anche delle nostre segnalazioni che attendono ancora l’intervento della Corte dei Conti di Venezia, ma li, sappiamo, che ci sono altri tempi. Ora la questione è pressoché ormai chiusa, quindi l’ex presidente per una questione di buon senso farebbe bene a starsene zitto. Ora non c’entra più nulla con la Casa di Riposo.

Di tutta questa storia, quello che più ci fa “male” è che a subirne le conseguenze siano stati i lavoratori dell’Ente e indirettamente anche gli anziani, anche se sappiamo che comunque quest’ultimi sono stati curati e seguiti sempre con  amore dagli operatori.

Assordante invece è stato il totale silenzio di cgil, cisl e uil le quali non hanno mai rilevato nulla di anomalo, come di anomalo è il fatto che nel 2010, 2011 e 2012 nessun premio incentivante è stato previsto per gli operatori. Ora che l’UGL è presente nelle rsu a maggioranza le cose cambieranno per il fondo previsto nel 2013, perchè se il servizio reso agli anziani è di qualità è giusto dar merito a chi lo ha e cioè ai lavoratori.

La Segreteria Provinciale
UGL Autonomie Venezia

Leggi l'ordinanza del Consiglio di Stato

 

Dipartimento DirittiUfficio Pari OpportunitàUGL DonneEnas Patronato UGLRSU UGL